/*to fix older images after template width change. Remove when you change template again*/

giovedì 20 gennaio 2011

Magie d'inverno


Tra i link che preferisco, che mi piace guardare, dove trovo idee che vorrei aver avuto io, ce n'è uno che
























si chiama Virkattu lintu. Qualche tempo fa, durante l'avvento, ha pubblicato un post dove presentava la foto di un libro che diceva essere un'edizione del 2000 ma che trovava ancora attuale. Io questo libro ricordavo di averlo già visto e sono passata in biblioteca e l'ho chiesto in prestito. La traduzione italiana era edita nel 2005 e dopo averlo guardato e letto mille volte nei miei momenti di relax e dovendo restituirlo alla biblioteca ho deciso che ne volevo uno mio da sfogliare ogni volta che ne avevo voglia.


 Così me lo sono comperato on line, in due giorni il libro era a casa mia senza muovere un passo!



Fra  tutte, questa pagina mi è piaciuta molto e mi ha ispirato un esperimento. Ho regalato ad ognuna delle mie sorelle un bulbo di giacinto con la promessa di inviarmi le foto dei progressi, una volta messo nell'acqua come nella foto.

Questo è il risultato. Il primo a sinistra è della mia sorella più grande ed è quello che ha fatto progressi evidenti, quello a destra è della mia sorella più piccola e dei due della fotografia sotto, uno è mio e quello nel bicchiere colorato è di un'altra sorella che l'ha lasciato a me perchè lei non ha tempo, è troppo impegnata ad aiutare il mondo intero.

11 commenti:

  1. ma com'è che il mio bulbo, nonostante lo abbia
    sistemato con cura, lo controlli tutti i giorni
    e sia in compagnia,ha messo solo poche, misere radichette? la nonna Telli ha qualche suggerimento utile? se no di progressi qui non se ne parla...

    RispondiElimina
  2. Secondo me ogni mattina dice al bulbo le stesse parole dolci che dice ai nipotini. Noi dobbiamo tentare un'altra strategia. Proviamo con la musica, un CD dei Modena City Ramblers, che ne dici?

    RispondiElimina
  3. come mi piacete mamme..!

    RispondiElimina
  4. Se il bulbo l'avessi regalato a me sarebbe finito in un minestrone scambiato per un porro.... ;-)

    RispondiElimina
  5. Lo so tesoro, le maestre d'asilo tendono ad imitare i propri scolaretti. Quando lo regalerò a te lo metterò in un bel sacchettino bianco con scritto BULBO DI GIACINTO - NON COMMESTIBILE.

    RispondiElimina
  6. L'idea del giacinto che cresce e vi unisce è molto bella... Un fiore in casa che sta crescendo e colorando l'ambiente mette molta allegria, anche i miei in terra sta lentamente colorando la mia cucina. A presto.

    RispondiElimina
  7. P.S. Quel ricamo iniziale è decisamente un bijoux... che parla di te e delle tue mani d'oro. Continua così...

    RispondiElimina
  8. Io non ho nessun merito il giacinto cresce da solo, anzi vi dirò di più che il mio è già fiorito ma è brutto e striminzito perchè negli ultimi giorni ha dovuto stare al buio.

    RispondiElimina
  9. vi svelerò un segreto: la nonna telli è la fata dei fiori...
    p.s. anch'io amo quel libro...è nella mia libreria da qualche anno ormai...

    RispondiElimina
  10. Il mio commento su tutti i post con argomento natura: sono estasiata!

    RispondiElimina