domenica 20 febbraio 2011

La lana


Qualche mattina fa sono stata svegliata da uno scampanellio inconsueto. Mi ricordava la musicalità che si sente qua al mio paese il 12 dicembre, quando i bimbi con i loro sonagli girano le strade del paese per ricordare che nella notte passerà S. Lucia. Mi sono alzata, sono scesa in cucina e ho aperto l'anta che si affaccia sul retro della casa. E cosa trovo? Un gruppetto di pecore.



























Al mio apparire, improvvisamente si sono immobilizzate. Non ho capito se mi volessero salutare dicendomi "Buongiorno, ben alzata"  oppure "Ma ti sembra questa l'ora di alzarti!".


























Poi ho capito, il messaggio veniva da tutta quella lana addosso, mi volevano ricordare che ho un cardigan iniziato da completare.






























































































Ho preso il mio lavoro a maglia e ancor prima di bere il caffè ho fatto 6 giri, quelli che servivano per aggiungere una treccia sotto la manica.


5 commenti:

  1. Beh, credo proprio che ogni giorno molte cose ci ricordino il bellissimo mondo del knit, ma niente lo può fare così direttamente. Questa maglia, te l'ho già detto, mi piace un sacco, in particolare mi piace la spalla, un lavoro proprio bello da vedere e immagino anche da lavorare. Forse un giorno...

    RispondiElimina
  2. Quanto mi piace veder crescere questo cardigan, trovo che la lana sia spettacolare perché i punti sono esaltati, quasi quasi mi viene voglia di cominciarne un altro!
    E naturalmente brava anche l'esecutrice con la sua mano regolare.

    RispondiElimina
  3. Meraviglioso risveglio, non è da tutti trovarsi davanti un bel gruppetto di pecore proprio fuori dalla finestra. Per quanto riguarda il cardigan sta venendo proprio bene, bravissima!

    RispondiElimina
  4. visto dal vivo è bello come in foto! ma la cosa più sensazionale è che quando è finito è finito! niente cuciture, niente bottoni, niente di niente! sarà bellissimo

    RispondiElimina
  5. Grazie a tutte per i complimenti. E' la prima volta che lavoro con il ferro circolare e sono ancora un pochino impacciata per non dire addirittura imbranata. Ho avuto un aiuto grandissimo dalla mia amica Aracne che mi ha dato tutte le dritte possibili per l'esecuzione del modello e in particolare mi ha insegnato ( a distanza, il bello è questo!) la crescita delle maniche che non riuscivo a capire. Spero di fare presto un post con il cardigan ultimato.

    RispondiElimina