mercoledì 23 febbraio 2011

Oggi sono andata in gita

non lontano, qui attorno, in linea d'aria forse 50 km da casa. Approfittando di un impegno preso da mio marito, l'ho accompagnato e insieme abbiamo goduto una bellissima giornata. Senza nessuna meta particolare ci siamo spostati qua e là, così, a casaccio.












































Ci siamo inerpicati su un sentiero tra gli ulivi che portava ad un castello e qui ho fotografato quest'agave e la forsizia che iniziava a sbocciare.





































































Poi ci siamo spostati con la macchina e nel nuovo luogo visitato non ho potuto non notare questo meraviglioso cotogno giapponese.














































Un'altra manciata di chilometri e ci siamo trovati al lago, l'aria era gelida e queste viole del pensiero sembrava che volessero avvicinarsi l'una all'altra per stare più riparate.


























Ma la gita estemporanea si è conclusa inaspettatamente al biotopo Lago d'Ampola



















































e qui abbiamo anche calpestato la neve.

6 commenti:

  1. Ma che magnifiche foto, e che posti meravigliosi. Sei bravissima.

    RispondiElimina
  2. il lago di garda è bello in tutte le stagioni; quante domeniche con la famiglia quando i figli erano piccoli ci abbiamo trascorso...
    che nostalgia

    RispondiElimina
  3. Quando ti sposti hai sempre con te la tua macchina fotografica, come un bambino porta sempre con sè il suo peluches. Buona abitudine, così possiamo vedere queste stupende foto.

    RispondiElimina
  4. Che belle foto!!! Usare la macchina fotografica come fai tu permette di pensare meglio a ciò che si guarda, di fare più attenzione, e anche questa è una ricchezza in più, di cui tu sai godere. BRAVA.

    RispondiElimina
  5. Che bello andare a zonzo senza una meta precisa, si vede sempre qualcosa di nuovo e inaspettato. Con la macchina foto puoi far conoscere quello che hai visto anche alle amiche del blog.

    RispondiElimina
  6. dopo l inverno piacevole rivedere i colori dei fiori primaverili

    RispondiElimina