domenica 25 settembre 2011

Le calze della Dil


Oggi ho trascorso una giornata da eremita. Mi aggiravo nell'assoluto silenzio della mia casa cercando qualche passatempo, tranquillo, da domenica pomeriggio. Le calze della Dil, eccolo il passatempo. Sono state iniziate ancora l'anno scorso. La mamma della Dil voleva assolutamente imparare a farle. Con un gioco di ferri,  qualche avanzo di lana e io a darle qualche dritta, il lavoro è iniziato. Ferro dopo ferro la prima calza è andata via liscia e veloce, ma la seconda... Ogni volta che andavo a casa sua la vedevo lì nell'angolo della panca della cucina, sempre, inesorabilmente a metà. Progressi... mai visti! Sabato scorso le ho prese e me le sono portate a casa: "te le finisco io!"


























Oggi ho cercato un posto a mezz'ombra nel cortiletto dietro la cucina, lì tra la pianta di fichi e quella di pere William e mi sono seduta a lavorare. Si stava benissimo, temperatura perfetta, silenzio, solo il fruscio delle foglie mosse da una leggerissima brezza di sottofondo, calma assoluta. Ho finito la calza.


























Secondo me sono un pochino grandi per i piedini di fata della Dil, ma non preoccuparti tesoro, non dovrai tirarle a sorte con tuo fratello: ci ho ricamato un fiore lilla sul piede sinistro.



























7 commenti:

  1. una risata,e tutto torna a posto.grazie!

    RispondiElimina
  2. le hai finite! grazie. sì, sono contenta di aver imparato come si fanno, anche se da sola non so se saprei ripetermi. così posso iniziare,l'ho già fatto,un lavoro nuovo ma più veloce spero, che io ho bisogno di risultati immediati, proprio come i bambini...

    RispondiElimina
  3. Che belle foto!! Anch'io come Cati ho bisogno di risultati immediati, perciò mi limito ad ammirarle sul tuo blog!

    RispondiElimina
  4. Belle e calde di affetto queste calze per la nostra Dili.

    RispondiElimina
  5. Ecco perchè ieri pomeriggio, passando davanti a casa tua non t'ho visto... Il tuo angolino, oltre ad essere tranquillo e adatto al lavoro, è anche nascosto... Le calze sono proprio un lavoro da maestra. Brava

    RispondiElimina
  6. Ciao, approdo qui attraverso il blog della Tartamaca, attirata dalla bellezza delle tue foto, della natura che ritrai e delle cose che fai a mano...insomma...balsamo per l'anima, puro e semplice :)
    A presto!

    RispondiElimina
  7. Ringrazio tutte per la visita al mio blog, soprattutto Tzugumi che conosco da poco. Grazie amica Tartamaca!

    RispondiElimina