/*to fix older images after template width change. Remove when you change template again*/

martedì 18 ottobre 2011

Piccole indimenticabili gioie della mia infanzia


Riordinando assieme alle mie sorelle la casa dei miei genitori, abbiamo trovato dimenticati qua e là dei piccoli oggetti che ci hanno commosso perchè hanno rievocato in ognuna di noi vecchi ricordi della nostra fanciullezza .


























La vecchia zuccheriera, ormai senza coperchio, che mia mamma  toglieva dalla credenza solo quando offriva il caffè agli ospiti di riguardo. Fa parte di un servizio ricevuto in dono al suo matrimonio. Mi sembra ancora di vederla la mia mamma, quando la posava sul vassoio con le tazzine coordinate sopra ad un centrino ricamato. Era raffinata la mia mamma, ci teneva a far bella figura con gli invitati.
Abbiamo trovato anche una pallina dell'albero di Natale e due porta candele ormai arruginiti. Mio papà,  ci permetteva di  accenderle la sera di Natale assieme alle stelle filanti. Bisognava fare molta attenzione che qualcuna non si rovesciasse sull'albero mentre era accesa, per questo la magia poteva durare solo pochi minuti. A tempo scaduto, prendeva in braccio la più piccola di noi e l'avvicinava all'albero perchè provasse la gioia di spegnerle.
Piccole cose, che ricordano grandi momenti che conservo con cura in fondo al mio cuore.

7 commenti:

  1. Come ti comprendo!Dolci e struggenti nostalgie, che ti riempiono il cuore ma ti faranno sempre tanta compagnia

    RispondiElimina
  2. mi fa piangere, ma in mezzo al sorriso felice di chi sa di essere parte di questa lunga magia.

    RispondiElimina
  3. Quanta meraviglia si rinchiude nelle piccole cose...

    RispondiElimina
  4. quanti piccoli ricordi... ho sparsi in giro per casa piccoli oggettini dei miei suoceri e ora abbiamo aggiunto anche quelli dei genitori del mio compagno... fanno compagnia....
    MGrazia
    ps: non riesco a rispondeti quando lasci un commento nel mio blog perché non si vede la mail....la passeggiata è bellissima e non è lunga, dalla malga solo un'oretta camminando piano...
    ciao

    RispondiElimina
  5. Chissà quanto ti riscalderanno tutti quei bei ricordi ...
    La tua mamma era davvero una signora.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Che bello questo post!
    mi sembra di vederlo il nonno prendervi in braccio... e la nonna...nel posizionare la zuccheriera...
    mi viene quasi da piangere.
    un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Cara Cinciarella,
    quante emozioni in queste righe ... i ricordi sono un filo che ci tiene legati a ciò che "materialmente" non è con noi, che sia per sempre o per un'ora! A volte ci fanno piangere, a volte sorridere, irrigidire o scioglierci ... non importa l'importante è che ci fanno sempre emozionare e chi "emoziona" vive!!!
    Un abbraccio forte a te per i tuoi cari.

    RispondiElimina