venerdì 5 ottobre 2012

Portagioie


Anni fa, una mia amica molto molto amante di vacanze avventurose, al ritorno da un suo viaggio in Nepal mi è venuta a trovare portandomi come souvenir un piccolo astuccio di cotone chiuso da due laccetti. Ricordo ancora la sorpresa e il piacere di possedere quel piccolo manufatto, per me bellissimo che arrivava da così lontano. Ricordo anche che aprendolo, alla sorpresa si è aggiunto lo stupore nel trovarci un paio di orecchini molto molto originali che ho indossato per molto tempo.






















Mi disse di averli acquistati a Kathmandu e mi parlò delle misere condizioni in cui viveva la gran parte dei suoi abitanti. Ho sempre custodito con attenzione questo regalo, ripromettendomi di provare ad imitare questa bella custodia. Ci ho provato ieri.

































Mi sono scelta dei piccoli pezzetti di cotone di recupero, ho disegnato e poi ritagliato una sagoma in carta e ho preparato quattro pezzi uguali: due a quadretti per l'interno e due per metà a righe e per metà rossi per la parte esterna. Ho guardato e riguardato come era cucito l'originale senza capircene un gran che. La parte esterna era unita alla parte interna in modo molto accurato, senza che si vedesse nessuna cucitura. Trucchi non ne so, sono inesperta, ma ho insistito non poco perchè, mi sono detta "se ci riesce una donna nepalese che lavora in chissà quali condizioni di disagio, ci devo riuscire anch'io che lavoro in una situazione di agio e tranquillità".













































































Grandissima soddisfazione quado sono riuscita a portarlo a termine. Funzionava tutto alla perfezione, anche il laccetto di chiusura. Ho pensato al Natale, ne farò altri e li userò come custodia per piccoli regali.



10 commenti:

  1. E' una bellissima idea, la tua versione è molto allegra!
    Ciao

    RispondiElimina
  2. Bellissimo e mi piacciono molto le tue foto!
    Ciao Ale

    RispondiElimina
  3. molto bello! grazie della condivisione della storia di amicizia!
    ma ... non ho capito il trucco =(
    ciao =)

    RispondiElimina
  4. Paola e Ale: grazie, sono felice di avervi tra le mie lettrici.
    Phoebe: hai ragione, non mi sono spiegata bene. Volevo dire che una persona che cuce frequentemente capisce immediatamente come eseguire un lavoro mentre io che sono una principiante ci metto un bel po'. Tu probabilmente l'avresti fatto in un battibaleno. Comunque ho fatto così:prima ho cucito l'interno con l'esterno dell'apertura (quella che poi si chiude con il laccetto) e il primo pezzetto dei fianchi. Ho poi unito i quattro pezzi (due esterni e due interni) e ho continuato la cucitura iniziata sui fianchi staccando per 3 - 4 cm una delle due parti interne lasciando così l'apertura per poterlo rovesciare. Una volta rivoltato, ho cucito l'apertura rimasta con un punto piccolissimo e invisibile. Non è facile da spiegare ma se ti va di provare anche tu te ne invio uno fatto da me e così puoi vedere meglio. Felice Week End a tutte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita, grazie! non fa niente, era solo per curiosità!
      ciao

      Elimina
  5. Sei riuscita a imitare questo bel portagioie in modo eccellente ma non avevo dubbi!

    RispondiElimina
  6. Bravissima, come sempre. Il tessuto nepalese mi parrebbe tessuto a mano, magari la prossima volta potresti cominciare dal telaio?!?

    RispondiElimina
  7. bellissimi colori, e splendido il mazzolino autunnale

    RispondiElimina
  8. Mi hai spiegato, senza saperlo, l'origine di un piccolo portagioie molto simile al tuo anche come tessuto nel quale erano custoditi braccialetto e collana molto etnici che mia suocera mi ha regalato a Natale qualche anno fa: grazie mille (anche per la spiegazione: sono sacchettini molto graziosi)!
    Claudette

    RispondiElimina
  9. Una piccola delizia! Mi piace tanto anche il set che hai allestito :)

    RispondiElimina