mercoledì 21 novembre 2012

Portare in casa il profumo del bosco


Manca più di un mese a Natale, ma ho visto già alberi addobbati e pieni di luci accese, luminarie sulle strade, nei grandi magazzini, nelle vetrine, ovunque si voglia attirare l'attenzione e farti acquistare qualcosa. Un po' mi infastidisce tutta questa luce, e poi mi sembra che ogni anno si incominci sempre prima con questi frastuoni commerciali. Per me il Natale è quello che vivevo da bambina, quando i preparativi iniziavano qualche giorno prima: l'albero lo preparava con molta cura mio papà, le palline erano fragili e solo i grandi le potevano maneggiare. Sotto l'albero, con l'aiuto di tutti si creava un bel presepio, con i fiumi di carta stagnola e le strade di sassolini bianchi.

























Sono andata nel bosco e, presa dalla nostalgia di quegli anni, dei profumi semplici e naturali del Natale, ho raccolto muschio, pigne, rametti di larice, rami di pino, di agrifoglio e bacche.























Con il muschio ho formato delle palle e le ho legate con lo spago, le ho deposte in una vecchia ciotola assieme a due candele e tutto l'altro materiale raccolto. Il profumo di bosco che si sente ora in casa mi fa continuamente tornare con il pensiero alla mia infanzia.


20 commenti:

  1. Ti ho visto mentre tornavi dal bosco con i rametti in mano ed immaginavo che ne avresti goduto in modo particolare, ma quelle palline di muschio sono davvero uno spettacolo... A presto Lara

    RispondiElimina
  2. Mi hai fatto ricordare quando anche io da piccola andavo con la mia mamma sui monti a prendere tutte le erbette ed il muschio 'profumoso' per far il presepe... :)
    Un caro saluto
    Mopo

    RispondiElimina
  3. viene nostalgia anche a me, proprio perchè ci sono cresciuta con le luci delle vetrine e le luminarie fastidiose. Però sono fortunata, ho goduto per tanti anni dell'atmosfera di cui parli, ho avuto anch'io la mia bella infanzia.un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Che nostalgia quel presepio, non mancava mai la spolveratina di farina bianca per simulare la neve e quell'albero che riempiva la casa di profumo di resina, con le sue palline che le mie mani di bambina per quanto stessi attentissima schiacciavano troppo e così ogni anno c'era qualche nuova vittima.
    La tua ciotola è così bella!

    RispondiElimina
  5. Davvero un bel raccolto profumato di ricordi! ...Il bosco è un luogo incantato!

    RispondiElimina
  6. Che bella composizione! il bosco è sempre bello e in ogni stagione ti regala cose meravigliose, ma che nostalgia!

    RispondiElimina
  7. CHe bella l'idea delle palle di muschio!Mi piacerebbe preparale per le decorazioni natalizie di quest'anno alle quali per ora non potuto dedicare nemmeno un pensiero.
    Claudette

    RispondiElimina
  8. eh sì, i profumi dell'infanzia hanno sempre qualcosa di magico...e il natale è sempre stato occasione di ritrovarci tutti insieme con gioia

    RispondiElimina
  9. bellissimo cesto, sei una vera artista!
    ciao

    RispondiElimina
  10. Molto molto bella questa composizione! Anche in me sveglia ricordi d'infanzia:)
    Ma attenzione, prima di raccogliere muschio e agrifoglio informatevi come è la situazione locale da voi! Agrifoglio e muschio sono protetti, raccoglierli nel bosco è spesso vietato, in molte zone d'Italia ci sono delle supermulte per chi lo fa...
    Buona giornata, ciao!

    RispondiElimina
  11. Che ricordi .... anche a me piacerebbe tornare ad un Natale più intimo e raccolto .... intanto mi godo la bellezza della tua ciotola e sogno ....
    Buona giornata
    Margherita

    RispondiElimina
  12. Hej Cinciarella, it looks so nice a touch of Christmas. Have a nice day, lieve groetjes

    RispondiElimina
  13. Che splendore!
    Questo sì che Natale vero!!!

    Mary

    RispondiElimina
  14. che bel pezzetto di bosco, che profumo di muschio, che incanto, il vero spirito natalizio si nasconde in questa ciotola.
    Posso copiare le sfere di muschio? Ciao Marina

    RispondiElimina
  15. Che ideaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  16. Grazie mille per i vostri graditi commenti. In particolare

    a Helga: io sono rispettosissima delle regole, qui è consentito raccogliere piccole quantità di muschio e considerando che il centro della palla è formato da carta, il muschio che ho utilizzato è davvero poco. Il rametto di agrifoglio l'ho tagliato dalla pianta del giardino di un'amica benchè nel bosco se ne trovi, le pigne non è proibito raccoglierele, ce ne sono fin che si vuole.

    Verderame: certo che puoi copiare, io ho fatto una palla con due fogli di carta scottex, l'ho poi avvolta con il muschio che ho poi legato con dello spago che avevo in casa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa, non volevo criticarti, anzi! Volevo solo dire agli altri (quelli ch magari non conoscono le regole nella loro zona) di stare attenti, di informarsi prima di raccogliere... per non rischiare delle multe (perché ad una mia amica nel Lazio è successo). Buon weekend, ciao!

      Elimina
  17. Hai sempre delle idee semplici ma di grande effetto. Anche a me piacciono molto le palle di muschio, non le avevo mai viste.

    RispondiElimina
  18. ciao sono patrizia anche a me piace molto portare a casa un pò di natura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non resisto, quando vado nel bosco torno sempre con rami, foglie, fiori, qualsiasi cosa che possa rallegrare la mia casa. Grazie per la visita al mio blog, felice settimana.

      Elimina