/*to fix older images after template width change. Remove when you change template again*/

venerdì 30 marzo 2012

Le sorprese delle uova


Avrei voluto stupirvi con effetti speciali, qualche idea nuova, un'insolita lavorazione dove ispirarsi per decorare la casa per la Pasqua in arrivo ma non ci sono riuscita. Ho provato e riprovato a fare l'uccellino origami che Airali di Where is the Wonderland propone in questo post, ma è stato tempo sprecato: quello riuscito meglio mancava di zampette. 












































Allora proprio per non darmi per vinta del tutto, ho riempito i gusci delle uova usate per la frittata con i fiorellini del mio prato, un lavoretto da bambini e Pasqua arriverà comunque.


domenica 25 marzo 2012

Mani laboriose


Quante ce n'erano ieri in Piazza Duomo a Trento? Tantissime. Mani di donne usate per cucinare, lavare, stirare, ripulire e per liberare la loro creatività. Mi sono riempita gli occhi e il cuore di mille colori, mille lavori, mille tecniche. In ogni piccolo spazio concesso dal Comune di Trento ad ognuna, per questa giornata di "Creatività femminile in mostra", c'era tanta passione, tanto entusiasmo nell'esibire le proprie capacità e la indiscussa fantasia.

























Sono arrivata in Piazza da Via Verdi, mi sono trovata davanti allo spettacolo di signore al lavoro davanti alle loro bancarelle in attesa di mostare e vendere, con Palazzo Pretorio come sfondo e...


































.... controllate dal Nettuno della Fontana.


































Ho fatto qualche piccolo acquisto, graziose uova di Pasqua decorate con perline, braccialetti realizzati con la tecnica del macramè, trottoline di legno. Ho avuto anche un piacevole incontro: l'attivissima MariGy, con la quale mi sono soffermata a parlare scambiandoci qualche idea. La farfalla appuntata alla mia giacca, è una sua creazione.

giovedì 22 marzo 2012

Braccialetto mania


Questi, li ho realizzati ieri sera. Pigramente seduta nel mio angolo del divano, accanto ai cesti dei miei lavori in corso, ho fatto tutto alzandomi solo una volta per andare a prendere nella credenza il 'tricotin' per i tubolari. Tutti i materiali che ho utilizzato li ho pescati un po' qua e un po' là, allungando la mano ora in un cesto ora nell'altro. Non mi sono alzata nemmeno per i bottoni che tengo tutti in barattolini di vetro in un ripiano che il divano nasconde, e nemmeno per il pezzettino di cotone che ho usato nel braccialetto con il bottone verde: era in fondo al cesto con appuntati gli aghi.












































Ora sono li, tutti ammucchiati in attesa di essere indossati. Domani uscirò con quello con le crocette e il cuoricino.


mercoledì 21 marzo 2012

Primavera


Ieri è stato il primo giorno di primavera, il giorno 20 marzo, non il 21 come si è soliti pensare. La campagna e il bosco sono aridi, la pioggia di domenica e lunedì non è bastata a dissetarli. Nel piccolo prato di casa mia, c'è qualche timido cenno di fioritura. Ne ho raccolto un mazzolino per ingentilire il mio soggiorno e ricordarmi che Pasqua si sta avvicinando.





























Mentuccia, violette, pratoline, un narciso nano e un rametto di tuya come sfondo.


lunedì 19 marzo 2012

Pasticcio di mele di Mopo


Ieri, domenica piovosa, navigando in internet tra i miei blog preferiti, mi sono trovata ne 'La tana di Mopo' che suggeriva questo 'Pasticcio di mele'. La ricetta, dice di averla trovata nella confezione delle uova e mi è sembrata facile e in casa avevo tutti gli ingredienti necessari. Ho subito commentato il post con un "ci provo subito", e la risposta è stata "ci conto". Spesso commento meravigliose ricette con la promessa di sperimentarle ma, non lo faccio quasi mai perchè in cucina sui fornelli, non ci sto volentieri, preferisco il divano del soggiorno e il lavoro a maglia. Questa volta ho mantenuto la promessa e vi presento il mio pasticcio.











































Spero che Mopo mi dia un bel voto anche senza assaggiarla, garantisco io, è buonissima. Me la sono gustata con una bella tazza di caffè qualche minuto fa, dopo averla fotografata.



domenica 18 marzo 2012

Braccialetti


Ci ho voluto provare anch'io a realizzare braccialetti con cotone colorato, a punto basso, avvolto attorno ad un filo di lana infeltrita. Amo ogni tipo di braccialetto, mi piacciono abbinati tra loro in diversi materiali, forme e lavorazioni.








































































Come si può notare, quello che ho lavorato non è un tubicino a punto basso lavorato tutto in tondo, bensì un rettangolino cucito poi  all'interno del braccialetto. Ho trovato molto faticosa e lenta la lavorazione a tubolare. Sicuramente un metodo semplice e veloce c'è, ma io non sono riuscita a trovarlo. Chi di voi, che l'ha già fatto me lo può suggerire?



giovedì 15 marzo 2012

Maglioncino


E' un maglioncino per climi artici per un passerotto di tre anni che vive in Italia, seppure al nord. Ho sbagliato quasi tutto di questo maglioncino, l'ho iniziato quattro volte, ho sbagliato le misure e ho cercato di rimediare, ho sbagliato ad acquistare la quantità di lana necessaria, troppo poca e ho dovuto adattarci le lunghezze, infine ho anche sbagliato stagione.


L'ho iniziato l'autunno scorso, siamo ancora in inverno ma è impossibile indossarlo, troppo caldo. La lana è molto bella, nove fili sofficemente attorcigliati, da lavorare con i ferri  n°5 . 


Pesavo in continuazione la lana per essere sicura di averne a sufficienza, alla fine sono riuscita a terminarlo e ad avanzarne un gomitolino di 30 gr.












































































Mi sorge un dubbio... questo genere di collo è adatto ad un maglioncino da maschio?




domenica 11 marzo 2012

100% affidabile



E' il premio che Blandina del blog 'La griccia' mi ha assegnato. Ringrazio, e mi fa piacere che abbia collegato la parola affidabile al mio blog. 'La griccia' è un blog dove si possono attingere un sacco di idee perchè Blandina sa usare ogni tipo di arnese possibile per esprimere la sua creatività. Sa usare ferri da maglia, uncinetto, telaio, ago e filo per ricami innovativi, macchina da cucire per lavori molto belli e inconsueti e chissà quanti altri attrezzi. Il significato del premio che mi ha assegnato lo trovate qui e io questo premio lo voglio girare a questi 3 blog:






Mi piace l'entusiasmo e la passione che gli autori di questi giovani blog mettono per renderlo sempre più interessante e accattivante.

Con questo post voglio anche rendervi partecipi dei progressi della mia meteo sciarpa. Con i mesi di gennaio e febbraio ho raggiunto una lunghezza di 33 centimetri, prevedo una sciarpa di quasi 2 metri a fine dicembre.












































In questa immagine si possono vedere i giorni di neve a fine gennaio e inizio febbraio. Il filo di colore arancio che si nota in qualche ferro tra febbraio e marzo,  l'ho inserito per ricordarmi che quelli sono stati giorni davvero caldi, con temperature molto al di sopra della media stagionale. Oggi, ho lavorato solo un ferro con lana grigia perchè la mattinata è stata nuvolosa, ma proseguirò con il colore azzurro intenso come il cielo del pomeriggio, e siccome il meteo prevede alta pressione al nord,  proseguirò con lo stesso colore per molti giorni ancora.


venerdì 9 marzo 2012

La tovaglietta


... un po' rivista e un po' corretta. Si, perchè ogni volta che la utilizzavo mi sembrava spenta, senza entusiasmo. Mi intristiva, poveretta. Mi riferisco alla piccola tovaglietta all'americana che ho proposto in questo post, realizzata riciclando vecchie camicie. Rimane comunque un lavoro assolutamente a costo zero perchè ho aggiunto per ravvivarla, qualche piccolo e semplice ricamo con vari generi di filo colorato che avevo in casa, avanzi di matassine già usate per fare altro.






























































L'ultima fotografia è un collage dei vari ricami. Che ve ne pare? Era meglio prima?


giovedì 8 marzo 2012

Oggi, parliamo d'altro


Che importanza può avere questa giornata celebrata da quasi cent'anni senza aver raggiunto risultati significativi e dignitosi? Non c'è parità e rispetto per la donna. Oggi, per cortesia, non fatemi quegli odiosi auguri, non regalatemi primule o mimose, non le voglio. Non voglio più sentire parlare di stupri, violenza domestica e morte, non voglio che donne senza qualità occupino posti di potere per avere assecondato richieste maschili. Voglio che le donne non debbano lavorare il doppio per la propria indipendenza, voglio attenzione e sensibilità tutti i giorni dell'anno. E ricordiamoci di indignarci sempre, tanto, se qualcuno ci manca di rispetto o veniamo sfruttate o abusate.


Oggi, parliamo d'altro, dell'ultimo piccolo lavoro poco impegnativo che ho realizzato, questo uovo di Pasqua, con i ferri da calza.  Arne e Carlos mi sono molto simpatici e quando Willi li ha riproposti in questo post, ho cercato subito di copiare le loro idee.































Non è l'unico lavoro che ho portato avanti in questo periodo,





































ogni giorno faccio qualche ferro alla meteo sciarpa, sto cercando di rendere più allegra la tovaglietta di camicie con qualche punto di ricamo qua e là e ho ricominciato per la quarta volta un maglioncino blu per uno scricciolo di tre anni.


lunedì 5 marzo 2012

Le infinite possibilità dei ferri da maglia





 Io, l'unica cosa che so fare contemporaneamente al lavoro a maglia è chiacchierare.


sabato 3 marzo 2012

Fare altro


Ogni tanto, saltuariamente, mi piacerebbe essere come certe signore casalinghe che la mattina si alzano e con grande entusiasmo rimettono in ordine, rassettano, lavano, cambiano le tendine e stendono il bucato senza fermarsi mai. Io, purtroppo, faccio parte di un'altra categoria, di quelle che vedono tutto da fare ma hanno sempre voglia di fare altro. Non è colpa mia, sono nata così.
Ieri per esempio, era una giornata splendida per sbattere tappeti, riordinare il terrazzo, lavare i vetri ma io cosa faccio? Mi chiudo in soffitta e mi metto a cucire.






































Da tutte le vecchie camicie scartate che metto sempre da parte, ho recuperato i bottoni (14 per ogni capo), ho tolto il collo e i polsini e dopo aver tagliato un pezzo qua e uno là ho cucito e realizzato una piccola tovaglietta per la mia prima colazione. Sulla parte destra ho posizionato la parte anteriore con taschino di una camicia, per ricavarne la custodia per il tovagliolo.












































E' inutile spiegare il procedimento, è tutto troppo facile e se l'ho fatto io che sono una principiante della macchina da cucire, lo può fare chiunque. Mi sono divertita e rilassata, senza paura di sbagliare sapendo eventualmente di non aver rovinato niente, perchè la mia scorta di indumenti da recuperare è infinita.