giovedì 28 giugno 2012

Piccola torta per merenda


E' un dolce molto semplice, con pochi ingredienti facili da reperire. L'ho preparato in poco tempo per una merenda programmata con due amiche. La ricetta l'ho trovata in "Briciole di delizie" che seguo per le sue proposte spesso alla mia portata.  Con gli ingredienti che Sabrina suggerisce nella ricetta si possono realizzare  quattro tortine da 10 cm di diametro. Ho utilizzato stampini in silicone e, a cottura ultimata, le tortine si sono staccate facilmente senza aver precedentemente imburrato il fondo. 























Affinchè non si pensi che le ho bruciate, vorrei precisare che il colore deriva probabilmente dallo zucchero di canna  integrale e che le albicocche non si vedono perchè ne ho aggiunte di meno. Le mie amiche hanno comunque gradito, molto.


mercoledì 27 giugno 2012

Trifoglio



Mutazione genetica, Trifolium pratense L., Trifolium repens L.    o....















































semplicemente Trifolium bicolor (questo nome non esiste, l'ho inventato io adesso)? Non avevo mai visto il fiore di trifoglio sfumare dal rosa al bianco. L'ho raccolto questa mattina sul bordo erboso del sentiero che percorro nella mia passeggiata quotidiana. Confido che qualche amico dell' ABB  chiarisca le mie idee confuse.



lunedì 25 giugno 2012

Custodia per Kindle


E con questa sono a tre. Negli ultimi 5 mesi ho cucito tre foderi per il lettore Kindle, tutti diversi l'uno dall'altro. Con il primo è stato facile, quattro cuciture in tutto, due per i bordi e due per trattenere l'elastico. Nel secondo mi sono fatta prendere un po' la mano e ci ho applicato di tutto, compresa la mia nuova etichetta. Questo, è più sobrio e  ho seguito i suggerimenti di Pia del blog pilo-so-pia che in questo post spiega molto bene come ha realizzato una custodia per iPad. Per evitare che le cuciture dell'imbottitura creassero troppo volume, ha applicato il tessuto di pile sui due rettangoli esterni della custodia e ha cucito una fodera interna di un tessuto più sottile. E così ho fatto anch'io, seguendo i suoi consigli sempre preziosi e ben illustrati.  Il materiale che ho utilizzato è tutto rigorosamente di riciclo: un vecchio paio di pantaloni l'esterno, una camicia usata l'interno, i bottoni li ho cuciti  al rovescio per nascondere il logo dell'indumento al quale appartenevano e il cordino l'ho trovato in fondo al mio cesto del cucito. 










































































































Mi sono risparmiata anche l'occhiello e con un laccetto da avvolgere intorno a due bottoni ho fatto una chiusura insolita ma pratica. Ora aspetto l'approvazione di mio figlio, la custodia è per il suo Kindle.



sabato 23 giugno 2012

Passeggiate


Una passeggiata profumata a Ronzone a circa 1000 metri di altitudine. Mi sono rilassata visitando il  "Giardino della rosa"  costato 4 anni di ricerche e di lavoro che mette in mostra 3000 esemplari di questo  fiore .


































































Una passeggiata rinfrenscante, al lago di Cei, in una vegetazione verdeggiante e rigogliosa, ristoratrice in questi giorni di calura











































tra fiori spontanei e colonie di farfalle.

mercoledì 20 giugno 2012

Solstizio d'estate























































































Nel cesto del lavoro c'è un maglione in elaborazione, da indossare al solstizio d'inverno.



domenica 17 giugno 2012

Prova per posizionare un'etichetta...


... la mia. Nuova e fiammante, arrivata da tre giorni da una ditta tedesca alla quale l'ho commissionata. 
Io seguo il blog "La maglia di Marica" che è una fonte inesauribile di consigli, aiuti, traduzioni di schemi e molto altro. Tra i suoi post ho trovato questo, dove dà delle indicazioni per farsi confezionare delle etichette personalizzate. Ho inviato il mio piccolo logo e in dieci giorni le mie etichette erano pronte e spedite e oggi ne ho applicata una per la prima volta.























Potrebbe sembrare una copertina per un libro invece è una custodia per un Kindle che di libri te ne tiene memorizzati tantissimi.






















Come sempre ho utilizzato tessuti recuperati da vecchi indumenti e ho fatto una fodera interna con del tessuto felpato di un lenzuolo inutilizzato in modo che il Kindle non si graffi e sia ben protetto da uno  spessore che  ne attutisca eventuali colpi o cadute.












































La chiusura è un semplice bottone con asola fatta a mano perchè con la macchina da cucire è ancora troppo complicato per me.


martedì 12 giugno 2012

Presine multiuso



Dall'inesauribile scorta di camicie usate ho ritagliato piccoli quadrati  e con filo colorato e voglia di creare qualcosa con poco impegno ho ricavato queste presine. Le ho  imbottite con avanzi di vecchie lenzuola felpate e rallegrate con piccoli punti e ricami semplici ed elementari.





















































































































Il mio piacevole rito del caffè, buono e bollente, questa mattina era anche brioso e colorato.




lunedì 11 giugno 2012

Promozione Associazione Botanica Bresciana


SE
sei un amante dei fiori e della natura
SE
sei in grado di rispettarla sempre  limitandoti ad osservarla perchè altri dopo di te possano farlo
SE
sei capace di abbassare il tono della tua voce e sintonizzarti sulla musicalità  dell'ambiente che ti circonda
SE
ti piace camminare e hai un minimo di allenamento, allora...
PUOI
con una piccola quota iscriverti all'Associazione Botanica Bresciana e venire con noi alle nostre escursioni preparate con molta cura dai soci più esperti. Imparerai ad ascoltare i meravigliosi suoni della natura e ad emozionarti davanti al miracolo della fioritura con i suoi sorpredenti colori.


























Potrai trovarti su pendii come questi e godere della vista di un santuario che sbuca improvvisamente in mezzo al bosco























fotografare mille varietà di fiori























come la rosa pendulina



























o il più raro Physoplexis comosa, comunemente detto Raponzolo di roccia























trascorrerai incantevoli giornate come quella vissuta da me ieri.


venerdì 8 giugno 2012

Braccialetti per la bella stagione


.. per braccia nude e abbronzate. Tempo fa, alla tentazione di acquistare l'ennesimo braccialettino, uno di quelli da pochi euro che mi piacciono tanto, ho pensato che a casa avevo sufficiente materiale per farmene almeno un centinaio e mi sono limitata a guardarlo. Ieri mattina, mi sentivo ispirata per realizzarne qualcuno e ho radunato  tutta la merce acquistata e accantonata disordinatamente iniziando a provare con qualche materiale. Mio marito, entrando in cucina ha capito subito che non era la giornata della sperimentazione di nuove ricette e che il suo piatto di spaghetti quel giorno probabilmente l'avrebbe dovuto consumare sul tavolo del computer. Sembrava dovessi realizzare chissachè, davanti a me avevo aghi, fili, perline, nastrini, gancetti, bottoni e non so quanto altro materiale da merceria. Alla fine ne sono usciti tre braccialettini: questi.






















































































In quest'ultima foto si può vedere la costruzione del braccialetto di perline, ma credo non si capisca come l'ho ultimato ma se qualcuna di voi volesse qualche chiarimento può tranquillamente scrivermi all'indirizzo che si trova a lato del post.



martedì 5 giugno 2012

Un regalo sorprendente e unico


Il pacchetto era nelle mani della postina che, dopo aver suonato il campanello era lì sulla porta in attesa che io uscissi per firmare la ricevuta. Conoscevo la provenienza, e sapevo anche il contenuto: una scatolina di una mia lettrice costruita con la tecnica dell'origami . Ci eravamo accordate tramite mail per uno scambio: io le avrei inviato il mio piccolo borsellino ai ferri che lei aveva visto su questo mio post e lei mi avrebbe fatto avere una sua creazione con l'origami, tecnica della quale è appassionata. 























Ho aperto il pacchetto con gioiosa aspettativa, come i bambini quando aprono i regali trovati sotto l'albero a Natale. La scatolina era per me assolutamente al di sopra di ogni previsione: bellissima.























Poi, la sorpresa e lo stupore si sono moltiplicati quando togliendo il coperchio ho trovato questo.























Per non rischiare di sciuparlo, l'ho tolto delicatamente dalla sua custodia che per me era già un gioiello e, come in una matriosca, ne è uscito un altro capolavoro, un porta fotografie eseguito con la stessa tecnica.


















































A questo punto devo pubblicamente ammettere che lo scambio non è stato assolutamente equo: il suo è molto, molto più bello.
Prima di spedirglieli avevo fotografato i miei taccuini eseguiti ai ferri, ma ora mi sento un po' a disagio, non ho il coraggio di pubblicarle, non c'è paragone. Grazie lettrice carissima.


domenica 3 giugno 2012

I fiori della mia vicina


Senza fare alcuna fatica per seminarli o piantarli, mi trovo ad avere il prato e l'aiuola sempre rallegrati da bellissimi fiori. In primavera ho violette vellutate e profumate, più tardi compaiono qua e là pulvini rosa di saponaria ocymoides e l'arancione della calendula spicca tra il verde della menta. Il vento che soffia dal lago porta i semi dei fiori della mia vicina, sulla mia proprietà oltre il suo confine. E' quanto è successo anche a questi sorprendenti fiori di nigella, i loro semi sono andati ad rifugiarsi in una piccolissima fessura tra il suo muro e l'asfalto della strada. 























Prima che gli addetti alla pulizia delle strade passassero con il diserbante e li distruggessero senza pietà in un solo istante, ho pensato di raccoglierli e farli miei.