mercoledì 30 gennaio 2013

Lo zafferano selvatico



Domenica, nel prato accanto al boschetto dove ho fotografato la piccola con il cappuccio-volpe, lo zafferano selvatico era in piena fioritura. L'imprevista calda giornata, aveva invogliato i delicati fiori lilla ad aprirsi e a scaldarsi ai raggi del sole.























Il giorno successivo, dopo la breve nevicata  li ho trovati quasi tutti chiusi, intirizziti. Il freddo, li aveva convinti a non schiudersi, a rimanere immobili ad aspettare un clima migliore.












































E' però bastato raccoglierne alcuni, portarli in casa al tepore della stufa che in pochi minuti si sono schiusi, e grati si sono esibiti in tutto il loro splendore.


19 commenti:

  1. Sono molto belli quando sbucano tra la neve e allegri nel vasetto di vetro con quei colori tenerissimi!

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia... bastano tre fiorellini in un semplice vasetto per rallegrare un angolo della casa.
    Susy

    RispondiElimina
  3. Li ho visti anch'io e mi hanno rallegrato molto... ma quelli delle tue foto sono davvero splendidi... Lara

    RispondiElimina
  4. Sono molto belle queste fotografie!! Ma sei sicura che sia zafferano? Ero convinta che fiorisse in autunno. Questi avrei detto che sono crocus.

    Saluti cari
    Cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, è il crocus biflorus, in italiano zafferano selvatico. Io preferisco chiamarlo con il nome italiano. Un caro saluto.

      Elimina
  5. ciao,anch'io come cinzia pensavo fossero crocus. passo da qui e imparo sempre qualcosa.
    da noi non ci sono, devo salire in montagna per godere di questi fiori semplici, meravigliosi e allegri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assieme al calicanthus è il fiore che avvisa che la primavera sta per arrivare, bello no?

      Elimina
  6. ma sono una meraviglia!

    RispondiElimina
  7. Semplicemente meravigliosi!!!
    Un abbraccio
    Margherita

    RispondiElimina
  8. Che belli e che teneri questi fiori di zafferano color lilla, resterei ore a guardarli!

    RispondiElimina
  9. I fiori,Che meraviglioso spettacolo!!!!Ma....vive proprio tra e in un' ambiente incantevole!!!.Io le cinciarelle o cinciallegre(come le chiamiamo noi) le osservo nel mio giardino e nei campi che mi circondano e sono "vezzosette" proprio come l'icona del blog.Chiedo: posso copiare la bag shopper con le lane disfatte e gli avanzi?E'proprio bella!!!!Complimenti!!!Franca Rita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo! Mi fa piacere. Fammi sapere, ho già trovato 2 blogger che l'hanno realizzata, se mi invii una foto farò un collage assieme alle altre. Ciao.

      Elimina
  10. Ciao, anch'io li chiamo crocus e pensavo fossero velenosi.ma allora i pistilli si possono usare?Quelli che fioriscono in montagna in autunno sono la stessa cosa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che fiorisce in montagna in autunno è il colchicum autumnale ed è velenosissimo!!! Il crocus biflorus che fiorisce adesso non è velonoso (nel bresciano un tempo si mangiavano i piccoli bulbi) ma non è adatto per ricavarne zafferano perchè povero di masse polliniche, lo zafferano si ricava dal crocus sativus. Ciao.

      Elimina
  11. Lovely signs of Spring.
    Lieve groet,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hello Willy, to your country, it's coming in the spring?

      Elimina
  12. I fiori sono meravigliosi nella loro semplicità, ma complimenti alla fotografa che ha saputo esaltarli!

    RispondiElimina
  13. Molto belli e delicati, anche se molto forti perché resistono al freddo!!!! Non conoscevo il nome italiano e pensavo che zafferano fosse solo l'altro...non avevo mai approfondito, grazie per il chiarimento
    MGrazia

    RispondiElimina