/*to fix older images after template width change. Remove when you change template again*/

lunedì 18 febbraio 2013

Un collo ricavato da una sciarpa imperfetta


Avendo ancora un minuscolo posticino libero nel mio armadio, esattamente il volume che può occupare una sciarpa, la settimana scorsa ho pensato di acquistarmene un'altra. Bella, colorata, allegra, firmata da una giovane stilista bresciana che ha un gusto  molto particolare, direi anni 70 che l'aveva fatta eseguire a macchina su suo disegno. Mi sono accorta però che indossandola cercavo sempre di nascondere una parte della sciarpa che non mi soddisfava per il susseguirsi di colori sfacciatamente da evidenziatore. La porzione disarmonica era proprio alla fine, allora mi sono decisa, ho tirato un filo e l'ho separata dal resto della sciarpa più gradevole. Ho raccolto i punti dei due bordi (quello della sciarpa e quello dell'avanzo di sciarpa) e ho chiuso con un catenella con un filato sottile di un colore cotrastante.



























E adesso... che cosa posso ricavarci da questa striscia a maglia rasata di buona lana colorata? Ho preso un  ago per la lana e qualche gugliata di filato sottile e ho iniziato a decorarla con semplici punti geometrici. Ho usato il mio avanzo di sciarpa come fosse un pezzo di tela Aida, seguendo i fori delle maglie e ricamandoci colonnine di punti senza nessuna ricerca  particolare, così, come mi venivano in mente. Il mio scopo principale era quello di smorzare la tonalità di quel rosa neon che proprio non mi piaceva.












































Quando mi è sembrato che la striscia fosse sufficientemente trasformata ho unito i due lati con una cucitura ottenendo così un collo che il giorno successivo ho regalato alla mia amica che, piena di entusiasmo e stupore per il percorso fatto da me per ottenerla se l'è subito infilato. Questo collo, se vi piace, lo potete creare anche recuperando la parte inferiore di una vecchia maglia dismessa, e può essere usato anche come fascia per i capelli nei giorni più freddi.








































Qui il collo non si nota molto perchè ho voluto dare più importanza al manifesto della straordinaria mostra che ho avuto la fortuna di vistare ieri. Andateci se potete, ne rimarrete sorpresi per la bellezza delle fotografie e per le emozioni che suscitano. La mostra si trova a Genova e la data di chiusura è stata posticipata al 7 aprile. Troverete ritratti fantastici come quello della bimba del manifesto che 17 anni dopo Steve Mc Curry è andato a ricercare e rifotografare. Troverete tante immagini di guerra che vi intristiranno moltissimo, che vi faranno capire la fortunata vita che noi viviamo, lontana da tanto dolore e sofferenza. Prendete l'audioguida e fatevi accompagnare dal meraviglioso racconto che questo audace e coraggioso fotografo fa di ogni situazione in cui si è trovato e ha fermato con le sue commoventi immagini.
Al piano superiore del Palazzo Ducale di Genova dove è ospitata questa mostra, troverete anche una bella temporanea esposizione di opere di Joan Mirò.







































































16 commenti:

  1. Complimenti davvero per la tua refashion!
    Mi piace moltissimo come hai recuperato il tutto e ti sta molto bene!

    Sono felice ti siano piaciute le immagini di Mc Curry,
    lo conosco molto bene!

    Un bacio
    Mary

    RispondiElimina
  2. Caspita: sei proprio una maga della maglia! Molto bella la fascia in testa!!!
    Ciao.
    Dany

    RispondiElimina
  3. Sei anche un'abile trasformista! la fascia è molto bella e sta molto bene alla tua amica. Mi piacerebbe tanto vedere le immagini di Mc Curry, chissà....

    RispondiElimina
  4. Complimenti per la trasformazione della sciarpa e grazie per le informazioni culturali. Sapevo della mostra di Miro', che vorrei trovare il tempo di andarci, ma non di questa mostra fotografica.
    Grazie Susy

    RispondiElimina
  5. La fascia è molto bella, con quei ricami, poi... Ogni volta che scrivi ci regali un po' di quello che solo tu trovi il tempo di vedere... Grazie... Lara

    RispondiElimina
  6. Ottimo lavoro e bellissimo accessorio!

    RispondiElimina
  7. Ciao, la sciarpa così trasformata e' tutta un'altra cosa.......la mostra non la posso andare a vedere, ma dalle tue descrizioni dei posti che visiti e' quasi come esserci stati.

    RispondiElimina
  8. Credo che a volte si abbia un pochino di timore a modificare le cose che acquistiamo e preferiamo magari, accantonarle in un angolino; invece tu ci hai mostrato che vale la pena provare. Grazie del suggerimento, e delle indicazioni sulla mostra: quella foto da sola meriterebbe un viaggio.

    RispondiElimina
  9. Bellissima C., come ti sta bene il collo-fascia! la prossima volta posso unirmi al vostro gruppo? la mostra dev'essere meravigliosa!

    RispondiElimina
  10. ....Collo perfetto... da sciarpa imperfetta ... ma ora perfetta!!! Anche io avevo iniziato ma poi accantonato un'operazione simile per una sciarpa di cashmere presa in viaggio nella particolarissima Mongolia. Questa mia ha ad una estremità un buffo cappello sempre in tinta ma stretto,....ho tirato anche io il filo ma poi ....Ora ci riprovo.La mostra ....immagino!!! buona serata Franca rita

    RispondiElimina
  11. Bellissima la fascia sei stata bravissima!buona serata!

    RispondiElimina
  12. Bella portata a fascia!
    Lavinia

    RispondiElimina
  13. Mi piace tantissimo questo recupero!!!
    MGrazia

    RispondiElimina
  14. ....certe volte mi sembri un prestigiatore, che dal suo cilindro fa apparire meraviglie....

    RispondiElimina
  15. Trasformazione eccellente!

    RispondiElimina